Contest Fotografico
DENTRO la SICILIA

 

Quando si parla di Sicilia il pensiero corre immediatamente al mare, alle spiagge, al sole. Eppure, insieme a questa, vi è anche un’altra Sicilia, fragile e possente allo stesso tempo. E dalla bellezza lacerante. È la Sicilia delle aree interne, dei piccoli comuni e dei borghi, fiori nascosti e selvatici di una Sicilia minima ma non minore, dei margini ma non marginale, che raccontano con pochi tratti scarni, di solenne essenzialità, una Sicilia inedita, autentica, dove assaporare ancora e fino in fondo il gusto inatteso della scoperta.

Desideriamo raccontare questa Sicilia insieme a voi, dando corpo a un progetto che chiami a raccolta tutti coloro che non intendono arrendersi alla parabola declinante di questi territori. Siamo infatti convinti che raccontare questi territori fuori dai cliché e dagli stereotipi, riportando a galla valori e risorse latenti, tracciando profili sconosciuti di bellezza, possa contribuire a lanciare un segnale di speranza, possa riattivare energie e volontà sopite, gravide ancora di futuro. L’obiettivo è di realizzare un grande affresco collettivo fotografico sulla Sicilia interna prodotto dal basso, un racconto in cui a parlare siano le stesse comunità, gli abitanti resistenti di questi luoghi o coloro che, da fuori, se ne sono innamorati.

Desideriamo far emergere il vissuto delle comunità locali in relazione al loro luogo di vita cedendo loro la parola affinché possano “auto-rappresentarsi” contribuendo al racconto che viene costruito sul loro territorio. Ci interessa in altre parole che le comunità locali, compresi i cosiddetti nuovi abitanti e gli abitanti temporanei, esprimano il proprio senso di appartenenza e di identità, manifestino il modo con cui "interpretano" il proprio luogo di vita. L’obiettivo è cogliere il legame tra una comunità e il suo territorio e testimoniare che questo legame ancora esiste, è vivo, ed ha una sua peculiare bellezza.

Riteniamo che in questo modo sia possibile marcare il presente, testimoniare un modo di esistere, offrire immagini e significati di territori che esprimono la forza di una Sicilia poco conosciuta, sfaccettata e policentrica. Vogliamo dare voce, con questo racconto corale, a tutti quei luoghi che si riconoscono in un frasario diverso da quello opaco e artefatto di un certo mondo contemporaneo.

Crediamo fortemente in questa narrazione corale, in questo canto che propone nuove centralità al nostro immaginario, scompaginando le attuali gerarchie territoriali.

In questo momento, inoltre, con le difficoltà della pandemia che abbiamo attraversato e quelle che saranno ancora da fronteggiare, questo progetto si carica di un ulteriore valore simbolico di rinascita attesa.

Sarà un segnale potente, come sanno essere soltanto le iniziative partecipate e costruite dal basso, con cui segnare un nuovo promettente inizio.

 

Regolamento Liberatoria